0

Boom library – Modern UI

Modern-UI-Sound-Effects-BOOM-Library Nel panorama delle librerie degli effetti sonori l’attenzione cade inevitabilmente su Boom library. Un po per l’originalità editoriale nella scelta delle loro release, un po per la cura con cui confezionano i prodotti, ma soprattutto perché hanno una qualità audio che si distingue in maniera esemplare. Non è da meno Modern UI, una libreria pronto uso pensata per la sonorizzazione di futuristiche interfacce utente ma che può andare oltre questo preciso intento e diventare una riserva timbrica hi-tech per completare e caratterizzare qualsiasi tipo applicazione sci-fi o di composizione elettronica.

Scorrendo l’intera lista di suoni la prima cosa che si nota è una spiccata coerenza sonora in tutte e 13 le categorie che la compongono, sia in quelli “più grossi” che nei glitch iper-minimalisti; Modern UI è infatti interamente creata da sintesi e catene di processi audio che gli assicurano questa preziosa caratteristica. Avere la possibilità di navigare una libreria con un carattere unico e allo stesso tempo con moltissime varianti di performance  sonora è cruciale per la riuscita di una sonorizzazione che fa la differenza.

Interessante è anche la vasta scelta di suoni che hanno un significato semantico, ad esempio risposte affermative o negative di un ipotetico sistema interattivo, le telemetrie o i suoni di caricamento.

Modern UI insieme a The interface (altro ottimo prodotto Boom) è sicuramente la soluzione definitiva per qualsiasi tipo di applicazione che prevede, pulsanti, schermi e lucine colorate!

0

Zoom F8 – Firmware update V5.0

download_

 

Lo Zoom F8 è una macchina che regala belle soddisfazioni quando si è sul campo a registrare. Un’altra bella soddisfazione la Zoom la dà ai propri utenti con il rilascio della versione 5 del firmware che praticamente attiva tutte le funzioni è le migliorie principali  del prodotto successivo F8n. Con questa mossa Zoom si è comprata tutta la mia fiducia perché dimostra di essere un’azienda che sta veramente dalla parte dei propri clienti.
Continue Reading

0

Letture estive

Volevo suggerire un paio di libri in inglese molto interessanti da leggere sotto l’ombrellone.
Il primo è Universal sense scritto da Seth S. Horowitz, neuro-scienziato, ricercatore alla Brown University e fondatore di NeuroPop un’azienda specializzata nella consulenza per applicazione pratica di concetti di neuro-scienza nel campo della composizione musicale e sonora in generale per il marketing. Il libro è il risultato delle ricerche di Horowitz, scritto in maniera ironica e chiara, innesca interessanti riflessioni sulla percezione del suono e su come essa possa essere influenzata con determinati espedienti sonori.

201411

Il secondo che voglio segnalare è The sound book scritto da Trevor Cox, professore di ingegneria acustica presso la University of Salford. Il libro è scritto con  entusiasmo e ironia a dir poco singolari, è una sorta di piccola enciclopedia di tutti i luoghi con le più singolari stranezze acustiche esistenti al mondo, dal luogo più riverberante della terra fino alle dune che cantano, Trevor Cox indaga le cause di queste stranezze con un’analisi scientifica molto chiara regalando ottimi spunti. Sicuramente un libro da leggere per chiunque sia interessato al suono.

The Sound Book Mech pbk. front.indd

Buona lettura!

1

Registrazione multicanale lowcost

H76262000000000-00-500x500

Le tecniche per ottenere registrazioni multicanale di ottima qualità implicano attrezzature dai costi che possono raggiungere diverse migliaia di euro e spesso sono in qualche modo ingombranti, vistose e presuppongono un certo grado di organizzazione logistica perché vengano usate al meglio. Fare guerrilla recording con registratore a tracolla e boom in mano non è esattamente la maniera migliore per passare inosservati. Da qualche anno con l’avvento degli handy recorder la pratica di registrare sempre e ovunque è sicuramente diventata più discreta con un compromesso tra qualità e prezzo da considerarsi ottimo. Spesso però questo tipo di registratori sono limitati ad una registrazione stereo, alcuni modelli, come lo Zoom H6 montano capsule MS dando la possibilità di portarsi a casa anche un buon formato mono.
Ma se volessi registrare in formato surround?
Ho eseguito un piccolo test con lo Zoom H2n per tirare fuori delle registrazioni 7.0.

Continue Reading

1

Registrare ultrasuoni con UltraMic 384K

UM384K_small

Ho iniziato una serie di test con l’UltraMic 384K della Dodotronic una piccola casa costruttrice di microfoni  fondata da Ivano Pelicella con sede a Roma. Ivano è un biologo con la passione per l’elettronica che ha progettato questo ed altri apparecchi per l’ascolto della natura. Il microfono è di tipo USB questo significa che non ha bisogno di registratori audio esterni ma che può essere attaccato direttamente al computer o ad uno smartphone o tablet che sia. Bisogna solo procurarsi programmi o applicazioni adatte a ricevere lo stream digitale che produce UltraMic. Per ulteriori dettagli tecnici vi rimando alla pagina del prodotto linkata sopra.

Bisogna fare una premessa, l’UltraMic non è da considerarsi un microfono come lo si intende nel settore audio; è più appropriato pensarlo come un sensore di ultrasuoni utilizzato per lo studio della comunicazione nel regno animale. È inoltre impiegato nel settore industriale per il monitoraggio dello stato di salute di alcuni macchinari.
Non può essere usato come microfono da studio o da field recording, perché la resa non è ottimizzata per la banda udibile, il segnale è un po più rumoroso e la resistenza alla pressione sonora è più bassa rispetto ai microfoni tradizionali. Come può tornare utile allora nella creazione degli effetti sonori?

Continue Reading

0

Intelligenza artificiale e sound design


Robotics-in-Manufacturing-Artificial-Intelligence

Da qualche anno a questa parte gli investimenti e il focus della ricerca informatica si sono spostati in maniera significativa sul campo del machine learning, dell’intelligenza artificiale, della realtà aumentata e del riconoscimento vocale. Già vediamo i primi prodotti commerciali, Tesla produce auto che guidano da sole, Apple implementerà nelle prossime release dei propri sistemi operativi algoritmi di machine learning sempre più avanzati e così Google, Amazon e tutti i big dell’informatica. La tendenza è quella di creare strumenti che non solo siano utili ad un determinato scopo, ma che “collaborino” attivamente per raggiungere quello scopo con metodologie che oggi possiamo solo immaginare. Si passerà da una generica manipolazione quantitativa di dati numerici ad una modalità di intervento con un forte carattere qualitativo e personalizzato per ogni singolo utente. Tutto ciò come potrebbe ripercuotersi nell’ambito del sound design?

Continue Reading

0

Veloce come il vento – Workflow audio e sound design

2016_3103_velocecomeilvento titolo

Prendere parte alla creazione di un film con una complessità tecnica di questo tipo è un privilegio raro in Italia e, per chi si occupa di suono, avere a che fare con sequenze automobilistiche è una sfida non indifferente.

Veloce come il vento” è una storia di vicende umane e di motori. I motori rientrano in quel dominio che ha a che fare con il sentimento della passione, bisogna avere reverenza. I motori sono anche una lunga tradizione e perciò bisogna rispettarne i canoni. Il suono di un motore porta con se un bagaglio di suggestioni che sono codificate nel linguaggio comune; è qualcosa che si capisce guardando un bambino mentre lo imita con la bocca quando gioca. Nel contesto filmico può avere centinaia di applicazioni, si può insinuare nella trama musicale e diventare uno strumento, Von Karajan parlava del 12 cilindri Ferrari come un’emozione che nessun direttore d’orchestra avrebbe mai potuto replicare. È qualcosa che può diventare messaggero di inquietudine, può essere liberatorio, può sorprendere e può dare eccitazione. È uno strumento molto potente ai fini narrativi e questo il regista, Matteo Rovere, lo sapeva bene fin da prima di iniziare le riprese; è grazie a questa consapevolezza se tutto il team audio è stato in grado di affrontare in maniera compatta un lavoro così complesso.

Continue Reading

0

La mia prima volta in Dolby Atmos

dolby-atmos

La scorsa primavera ho avuto la fortuna di lavorare alla creazione degli effetti sonori di “Youth” di Paolo Sorrentino, primo film in Italia rilasciato in Dolby Atmos. Essendo una tecnologia recente non esiste ancora una letteratura o delle risorse ben organizzate per orientarsi nella produzione di una colonna sonora di questo tipo, ne sotto il profilo tecnico tantomeno sotto il profilo estetico. Quello che segue è il racconto della mia esperienza e le mie personalissime riflessioni sulla resa e le potenzialità di questo formato. Vediamo come funziona

Continue Reading

0

Ascoltare, analizzare, ricreare.

Ornithologists-Directional-Ear-Trumpet-Strang

Steven J. Strang – Ornithologists Directional Ear Trumpet

Nel cinema, nei videogames o nelle installazione artistiche, la costruzione di un convincente contesto sonoro gioca un ruolo fondamentale per completare al meglio le esperienze che queste forme di intrattenimento regalano al pubblico. I professionisti che lavorano nel mondo della sonorizzazione sono persone dotate di curiosità e pazienza, sono persone che hanno sviluppato una certa sensibilità a capire cosa funziona su una scena e a seguirne il ritmo. Ideare una scena convincente a livello sonoro non è una cosa immediata, non esiste una letteratura esaustiva che spieghi come realizzare sonorizzazioni perfette, forse questo ipotetico “manuale” non può esistere proprio per la natura intrinseca di questo lavoro in cui l’esperienza personale e il gusto soggettivo sono la chiavi predominanti.

Quando si affronta la sonorizzazione di una scena si procede per stratificazione di elementi sonori semplici  che vanno a comporre un sistema aurale complesso e articolato. Anche se non si parte completamente da zero (si è sempre legati ad una storia con esigenze narrative particolari e ambientazioni definite), creare un’esperienza sonora che sia al servizio della scena, ma che allo stesso tempo aggiunga emozione e valore estetico, non è affatto semplice. Un’esercizio per affinare la capacità di farsi venire buone idee potrebbe essere quello di mettere in pratica una sorta di “reverse engineering” di alcuni studi nel campo del field recording e applicarlo poi alla creazione di qualcosa che esiste solo nella finzione cinematografica. In sintesi, imparare ad ascoltare in maniera oggettiva quello che esiste nella realtà potrebbe dare un’apporto creativo rilevante nella fase di costruzione di un mondo sonoro che ancora non esiste. Ma quali sono questi studi?

Continue Reading

0

L’uomo biofonico – conversazione con Bernie Krause sull’origine selvaggia della musica umana

L’UOMO BIOFONICO

Chitarrista, compositore e pioniere dei sintetizzatori analogici Bernie Krause uscì dallo studio di registrazione alla ricerca di suoni naturali. Quello che scoprì era molto più profondo.
di Jay Babcock (articolo originale su Arthur magazine)

Illustrazione di Kevin Hooyman

“…Ogni essere umano sarà plasmato con canzoni, musica e tutte quelle cose che hanno a che fare con la natura”- Edgar Cayce psichiatra americano del 20° secolo, da “letture di una vita” dato a Bernie Krause quando aveva appena sei settimane di vita, come riportato da Krause in Notes from the Wild (Ellipsis Arts, 1996)

Chi meglio di Bernie Krause è adatto ad esplorare il più grande interrogativo sulla musica e cioè: cos’è, a cosa serve, perché ci piace, da dove proviene, perché suona come suona?

Continue Reading

0

Field recording urbano

Eric Cator – The sound recordist – 2008

Di seguito la traduzione di un’articolo dedicato all’urban field recording postato su Suite101.com

La tecnologia ha reso la registrazione in territorio urbano molto più semplice, ma l’expertise in quanto a field recording è essenziale per avere buone registrazioni dalla strada.

Gli appassionati di field recording registrano il panorama sonoro urbano per molte ragioni, dalla semplice sonorizzazione di podcast fino alla documentazione del cambiamento che avviene nel soundscape urbano. La registrazione digitale, le tecniche binaurali o i microfoni stereo su corpo unico hanno decisamente risolto molti dei problemi tecnici che impedivano buone registrazioni, ma, ancora, ciò che fa la differenza per ricavare registrazioni sensate all’ascolto è l’esperienza nel field recording.

Continue Reading