0

La registrazione stereo M/S in produzione e post-produzione

Un’articolo dal blog di  Martin Pinsonnault sulla tecnica di registrazione M/S

Non ostante il fatto che la pratica e la teoria della registrazione stereofonica M/S esista
da più di 50 anni, molte persone sono ancora riluttanti nell’utilizzo regolare di questa tecnica durante la produzione o la post-produzione, specialmente durante la fase di editing e mix del suono. Recenti sviluppi nei software di post-produzione, insieme all’aumento della potenza di calcolo dei DSP, facilitano molto l’integrazione di questo tipo di registrazione nel workflow di lavoro.

Continue Reading

0

Psicoacustica: Falsificare lo spazio

Riporto la traduzione di un’articolo di Shaun Farley su designingsound.org che spiega nel dettaglio un’utilissima tecnica di spazializzazione.

Quando si lavora alla spazializzazione del suono, mettere plug-in di riverbero a volte può essere faticoso, in quanto (benché meravigliosi) sono grandi consumatori di DSP.  A volte per ricreare un’effetto, anche semplice, risultano essere onerosi in maniera eccessiva per la macchina e possono anche richiedere tanto tempo per la configurazione dei parametri, specie se si tratta di imitare uno spazio aperto. Ho pensato che fosse utile condividere un trucco che uso per risolvere queste problematiche. Un metodo di spazializzazione che incide quasi nulla sui DSP e ci permette di “falsificare lo spazio”. Mi spiego. Non ci accingeremo a emulare un riverbero tradizionale, ma cercheremo di aggiungere un lieve senso di spazializzazione ai i suoni con cui lavoriamo. Andremo ad aggiungere un po di presenza tipica delle piste multicanale per meglio contestualizzarli nel mondo. Prima di addentrarci nella pratica della cosa, ripassiamo un po di scienza!

Continue Reading

0

Room-tone = Emotional tone, l’importanza di ascoltare gli ambienti

Riporto la traduzione di un’articolo di Mike Taylor postato su Designing sound

Ovunque stiate mentre leggete questo articolo, fermatevi e ascoltate l’ambiente in cui vi trovate. Cosa sentite?  Una forte tentazione potrebbe essere quella di rispondere “niente”, ma la complessa cacofonia del mondo intorno si combina e si fonde con lo spazio in cui vi trovate creando il suono di una location specifica. Il suono di cio che vi circonda nell’immediato è generato da qualsiasi tipo di sorgenti come ronzii elettrici, tubi dell’acqua, traffico, i vicini, il tempo atmosferico o gli animali selvatici. Non ostante risultino indistinti dal vostro punto di vista, questi suoni si stanno ancora debolmente facendo strada nella stanza, filtrati e riverberati dall’arredamento che li distorce e li consegna al vostro orecchio come un intangibile “room tone”.  E’ quel suono relativamente debole che le persone identificano come “silenzio” (Probabilmente perché non hanno mai provato a farci delle registrazioni sopra!)

Continue Reading

0

Librerie effetti sonori – Boom Library

Una tecnologica release va ad arricchire l’interessantissimo bouquet di archivi della Boom Library. “Sci-fi” è una libreria di effetti sonori orientati al design di prodotti fantascientifici, viene distribuito in due versioni Construction kit e Designed.

Construction Kit è la versione full in cui si trovano le registrazioni di suoni non processati. 3300 SFX in HD a 96Khz 24 bit al prezzo di 149€.

 

 

 

 

 

La versione Designed è una collezione di suoni processati pronti all’uso. 600 SFX in HD a 96Khz 24 bit a 99€.

 

 

 

 

 

0

Livelli di pre-amplificazione


Di seguito la traduzione di un’articolo di Javier Zùmer postato sul proprio blog. L’articolo tratta una questione interessante, durante le registrazioni conviene tenere livelli alti di guadagno dei pre? O conviene tenere livelli bassi per mettersi al sicuro dalle saturazioni?

Con questo test vorrei risolvere un dubbio che ogni tanto ho quando registro. E’ abbastanza ovvio che quando si alza il gain contestualmente si alza il rumore di fondo. Ma è anche vero che si registra anche molto più segnale utile. Quindi la questione è: Il rapporto segnale/rumore è sempre costante mentre si alza il gain?

Quando si registra si cerca sempre di evitare picchi che potrebbero saturare il pre-amplificatore. Quindi, bisogna forzare il pre-amp per avere qualche dB in più? O è meglio alzare il volume in post-produzione?

Invece di indagare in maniera teorica voglio fugare i miei dubbi con alcuni test.

Alzare il volume!

Continue Reading

0

Ultime release di librerie indipendenti di effetti sonori

Riporto l’elenco delle ultime uscite in materia di archivi sonori.

The Recordist

Explosives è una notevole libreria di esplosioni e detonazioni utilissima in molti contesti. 450 effetti sonori in HD registrati con Sound Devices 702 – Fostex FR-2 – Sennheiser MKH-8040ST – (2)Sennheiser MKH-8040 – Sanken CSS-5 – Sennheiser MKH-416 – AT-835ST – Sony PCM-D1 – Sony D-50 al costo di 200$

 

Bullets Hd pro è una di quelle librerie must have. Più di 2500 effetti sonori relativi a passaggi e impatti di proiettili su svariate superfici ad un costo di 200$. I suoni sono stati registrati con: Sound Devices 702 – (4) Sennheiser MKH-8040 – Sennheiser MKH-8060 – Sennheiser MKH-416 – Sanken CSS-5

Bat, birds e bugs e una libreria dedicata ai volatili di ogni dimensione e non solo. Le registrazioni sono state effettuate con microfoni capaci di captare le alte frequenze che vanno oltre lo spettro udibile per avere maggiore margine di processing durante le lavorazioni e la ricerca creativa. Una collezione di 600 file a 75$ registrata con: Sound Devices 702 – Sennheiser MKH-8040ST – Sennheiser MKH-8060 – Sennheiser MKH-416 – Sanken CSS-5 – Audio Technica AT-835ST – Sony PCM-D1 – Sony D-50.

Rabbit ears audio

Jet turbine è una libreria audio incentrata sui motori a turbina di tutte le dimensioni. L’archivio è composto da 137 effetti sonori disponibili sia a 192Khz che 96 Khz ad un costo di 115$. L’equipaggiamento audio usato per la registrazione: Schoeps MK4+MK8, Sennheiser MKH 40+30, MKH 60, Sanken Cub-01, Sennheiser 8040, DPA 4060, Neumann RSM 191 Sound Devices 7 Series Recorders.

New sound lab

Hard drives si focalizza sulla meccanica dei dischi informatici collezionando un’archivio di 80 file con effetti sonori adatti ad più ampio utilizzo creativo. Il suono è stato registrato con Sanken CSS-5 Shotgun mic in mono mode, un’idrofono Aquarian H2A, il Sound Devices 702 a 24bit 192khz. Il costo è di 30$

Sonic salute

Factory machinery è una collezione di ambienti e macchinari industriali registrati in 4 diverse fabbriche della Danimarca. L’equipaggiamento usato per le registrazioni sono: Sound Devices 702, Sennheiser Mkh416 e Ambient Emesser. 65 tracce stereo ad un costo di 25$

0

Utilizzo dei microfoni shotgun in interno

Di seguito la traduzione di un’articolo di Javier Zùmer che tratta delle problematiche relative all’utilizzo dei microfoni direzionali in ambienti interni.

Ho fatto alcune ricerche che partono da qualcosa che ho sentito:

non è una buona idea usare un microfono fucile in interno

Vorrei fare un check rispetto questa affermazione, eventualmente fare qualche test.

Continue Reading

0

Ambienti per film

Di seguito un’articolo tradotto da music of sound di Tim Prebble. L’articolo affronta la creazione di ambienti sonori in surround sia nella fase di registrazione che di editing

L’intenzione iniziale di questo post voleva essere la spiegazione del perché avevo scelto un certo tipo di configurazione microfonica nel mio viaggio in Papua Nuova Guinea dove ho registrato gli ambienti per un film. Ragionando su come impostare il post, questo si è lentamente trasformato in un discorso generalizzato del mio approccio alla creazione degli ambienti sonori cinematografici, così ho cambiato il titolo e ora spero che serva a tutti e due i propositi…

Continue Reading