0

L’uomo biofonico – conversazione con Bernie Krause sull’origine selvaggia della musica umana

L’UOMO BIOFONICO

Chitarrista, compositore e pioniere dei sintetizzatori analogici Bernie Krause uscì dallo studio di registrazione alla ricerca di suoni naturali. Quello che scoprì era molto più profondo.
di Jay Babcock (articolo originale su Arthur magazine)

Illustrazione di Kevin Hooyman

“…Ogni essere umano sarà plasmato con canzoni, musica e tutte quelle cose che hanno a che fare con la natura”- Edgar Cayce psichiatra americano del 20° secolo, da “letture di una vita” dato a Bernie Krause quando aveva appena sei settimane di vita, come riportato da Krause in Notes from the Wild (Ellipsis Arts, 1996)

Chi meglio di Bernie Krause è adatto ad esplorare il più grande interrogativo sulla musica e cioè: cos’è, a cosa serve, perché ci piace, da dove proviene, perché suona come suona?

Continue Reading

0

Field recording urbano

Eric Cator – The sound recordist – 2008

Di seguito la traduzione di un’articolo dedicato all’urban field recording postato su Suite101.com

La tecnologia ha reso la registrazione in territorio urbano molto più semplice, ma l’expertise in quanto a field recording è essenziale per avere buone registrazioni dalla strada.

Gli appassionati di field recording registrano il panorama sonoro urbano per molte ragioni, dalla semplice sonorizzazione di podcast fino alla documentazione del cambiamento che avviene nel soundscape urbano. La registrazione digitale, le tecniche binaurali o i microfoni stereo su corpo unico hanno decisamente risolto molti dei problemi tecnici che impedivano buone registrazioni, ma, ancora, ciò che fa la differenza per ricavare registrazioni sensate all’ascolto è l’esperienza nel field recording.

Continue Reading

0

Distanziamento del suono

Riporto la traduzione di un’articolo di Javier Zumer

Quotidianamente, nel lavoro di post produzione sonora, ci troviamo spesso difronte questa situazione: Si vuole inserire nella scena un suono preso da una libreria o realizzato da un foley artist, ma non ostante il suono in se funzioni, non è credibile nel all’interno della scena, sembra innaturale.

Il problema si trova nel posizionamento acustico. Spesso cerchiamo di inserire effetti sonori che sono stati ripresi su un piano acustico differente. In molte occasioni abbiamo a che fare con un suono asciutto che suona in faccia (anche se questa è la situazione ideale). Questo tipo di suoni potrebbe non essere il massimo per restituire veridicità in un determinato contesto. E ciò accade sopratutto quando cerchiamo di inserirlo in profondità, dietro il primo piano sonoro.

Continue Reading

0

Psicoacustica: Falsificare lo spazio

Riporto la traduzione di un’articolo di Shaun Farley su designingsound.org che spiega nel dettaglio un’utilissima tecnica di spazializzazione.

Quando si lavora alla spazializzazione del suono, mettere plug-in di riverbero a volte può essere faticoso, in quanto (benché meravigliosi) sono grandi consumatori di DSP.  A volte per ricreare un’effetto, anche semplice, risultano essere onerosi in maniera eccessiva per la macchina e possono anche richiedere tanto tempo per la configurazione dei parametri, specie se si tratta di imitare uno spazio aperto. Ho pensato che fosse utile condividere un trucco che uso per risolvere queste problematiche. Un metodo di spazializzazione che incide quasi nulla sui DSP e ci permette di “falsificare lo spazio”. Mi spiego. Non ci accingeremo a emulare un riverbero tradizionale, ma cercheremo di aggiungere un lieve senso di spazializzazione ai i suoni con cui lavoriamo. Andremo ad aggiungere un po di presenza tipica delle piste multicanale per meglio contestualizzarli nel mondo. Prima di addentrarci nella pratica della cosa, ripassiamo un po di scienza!

Continue Reading

0

Room-tone = Emotional tone, l’importanza di ascoltare gli ambienti

Riporto la traduzione di un’articolo di Mike Taylor postato su Designing sound

Ovunque stiate mentre leggete questo articolo, fermatevi e ascoltate l’ambiente in cui vi trovate. Cosa sentite?  Una forte tentazione potrebbe essere quella di rispondere “niente”, ma la complessa cacofonia del mondo intorno si combina e si fonde con lo spazio in cui vi trovate creando il suono di una location specifica. Il suono di cio che vi circonda nell’immediato è generato da qualsiasi tipo di sorgenti come ronzii elettrici, tubi dell’acqua, traffico, i vicini, il tempo atmosferico o gli animali selvatici. Non ostante risultino indistinti dal vostro punto di vista, questi suoni si stanno ancora debolmente facendo strada nella stanza, filtrati e riverberati dall’arredamento che li distorce e li consegna al vostro orecchio come un intangibile “room tone”.  E’ quel suono relativamente debole che le persone identificano come “silenzio” (Probabilmente perché non hanno mai provato a farci delle registrazioni sopra!)

Continue Reading

0

Utilizzo dei microfoni shotgun in interno

Di seguito la traduzione di un’articolo di Javier Zùmer che tratta delle problematiche relative all’utilizzo dei microfoni direzionali in ambienti interni.

Ho fatto alcune ricerche che partono da qualcosa che ho sentito:

non è una buona idea usare un microfono fucile in interno

Vorrei fare un check rispetto questa affermazione, eventualmente fare qualche test.

Continue Reading

0

Linear Phase vs. Minimum Phase EQ

Traduco un’interessante ricerca sugli equalizzatori redatta da Samuel O’Sullivan e postata su TheProAudioFiles chiarisce il modo in cui lavorano i filtri che ci troviamo a usare ogni giorno.

Ho fatto un sacco di studi sui fitri linear-phase rispetto a quelli minimum-phase. Volevo capire le differenze e i possibili vantaggi/svantaggi che uno tipo equalizzazione può avere sull’altro in particolari situazioni. Ho scoperto di non essere solo in questa ricerca. Tuttavia, c’è pochissima documentazione sui filtri linear-phase e su come lavorano nell’ elaborazione dell’audio.

Continue Reading

0

Le regole del club Contact Mic

Riporto la traduzione di un’articolo di Tim Prebble  dal suo blog Music of Sound in cui illustra la sua esperienza nella realizzazione della libreria Contact Mic per HissandaRoar

La nuova release HISSandaROAR è ufficialmente disponibile, è costituita esclusivamente da registrazioni per mezzo di microfoni a contatto, ho pensato di condividere alcuni degli aspetti più importanti di questa tecnica, aspetti che ho scoperto nel modo più diretto – attraverso l’esperienza….

La prima regola per un buon utilizzo di un microfono a contatto non riguarda il microfono in se, riguarda un concetto più generale:

Cosa è collegato a dove ?

A occhio e croce direi che ho circa un dozzina di microfoni a contatto, acquistati nell’ultima decina d’anni, ma solo tre di questi risultano essere interessanti nell’utilizzo. Solo uno di questi tre microfoni “buoni”, ha il costo di tutti gli altri messi assieme, per il semplice fatto che coloro che lo hanno progettato hanno capito molto bene la regola numero uno. Infatti non è solo il microfono ad essere buono, ma anche ciò a cui il microfono è collegato, l’unico modo per assicurare grandi risultati e che ci sia una corrispondenza con il preamp e l’unico modo per cui ciò avvenga e che entrambi siano venduti come un pacchetto unico. Sono sicuro che è un concetto molto chiaro per chi ha conoscenze in elettronica, questo articolo (inglese) può aiutare a capire.

Continue Reading

0

Creare un film per il suono – Randy Thom

Oggi vi posto “Creare un film per il suono” un articolo scritto da Randy Thom e tradotto da Davide Favargiotti autore del bel blog Stories To Repel Ghosts.

Che cos’è il Sound Design?

Si potrebbe ritenere che il Sound Design riguardi la creazione di effetti sonori brillanti ed efficaci. Questo però non descrive accuratamente quello che Ben Burtt e Walter Murch, che hanno inventato il termine, realizzarono rispettivamente in “Star Wars” (Guerre Stellari) e “Apocalypse Now”. In questi due film, lavorarono con registi che non cercavano solo effetti sonori particolari e potenti da incollare su una struttura precostituita. Sperimentando con il suono, “giocando” con il suono (e non soltanto con gli effetti sonori, ma anche con la musica e i dialoghi) durante tutta la produzione e post-produzione, Francis Coppola e Walter Murch, George Lucas e Ben Burtt, scoprirono che talvolta il suono cominciava a modellare l’immagine tanto quanto l’immagine plasmava il suono. Il risultato fu qualcosa di molto differente da qualsiasi cosa si fosse sentita prima. Questi film sono entrati nella storia, e le loro colonne sonore cambiarono per sempre il modo in cui oggi è concepito il suono dei film.

continua a leggere l’articolo

 

Collezioni di microfoni

Riporto la traduzione di un’articolo scritto da Tim Nielsen, guest sound designer di questo mese, su Designingsound.org.
 

Il mio nome è Tim Nielsen ed i microfoni sono la mia droga. Sono passati solo quattro mesi da quando ho comprato il mio ultimo microfono, un’adorabile piccolo Neumann XY montato su Mono Rycote. Li ho comprati da un’amico, semplicemente perché come l’ho ho visto, l’ho voluto. Credetemi è veramente carino, lo vorreste anche voi.

Non vorrei scrivere articoli di carattere tecnico, ce ne sono già un sacco. Il mio interesse non è quello di condividere settings di plugin, o catene di mastering. Non mi curo del tipo di preferenze che può avere un  fade o dello schema di colore per organizzare le tracce. Faccio anche io questo tipo di cose, ma spiegarle nel dettaglio non vi farà sentire meglio. Forse, riferendomi alla registrazione di effetti sonori, ho qualche consiglio che qualcuno potrebbe trovare utile. Perciò voglio scrivere di microfoni.

Continue Reading

USBPRE2 – Parte 1 – Prime impressioni.

Riporto la traduzione della prima parte di un’articolo postato su Sonic Terrain in cui viene analizzato l’USBPre2 della Sound devices.

Circa 10 gg fà è arrivato il mio nuovo USBPRE2 dopo aver aspettato 3 (lunghissime!) settimane. Questo non vuole essere un’articolo tecnico, sono solo le mie impressioni su questa macchina dopo averla integrata nel mio equipaggiamento tecnico.

Continue Reading

0

Riverberi IR a confronto

Riporto la traduzione di un’ottimo articolo uscito su Re-Sounding in cui vengono messi a confronto alcuni dei più popolari riverberi a convoluzione in commercio. L’articolo è anche un’ottimo tutorial per la creazione dei propri impulsi di risposta da importare in questi plugin.

Di recente ho registrato degli sweep per Altiverb, in seguito ho deciso di trovare il modo di usare questi impulsi in altri riverberi a convoluzione. Mi è sembrata un’ottima occasione per comparare il suono dei diversi plugin utilizzando la deconvoluzione dello stesso sweep. I plugin a confronto sono:

NB. Non è una comparazione delle loro funzioni ma solo del suono che ciascuno di essi tira fuori.

Continue Reading

0

Ascoltare il suono in maniera decontestualizzata

Rodney Gates è il guest suond designer di questo mese su designing sound, riporto la traduzione di un’articolo che tratta di educazione all’ascolto decontestualizzato.

Carta bianca

Quando ci sediamo alle nostre postazioni, ogni giorno cerchiamo di creare nuovi suoni, è importante pensare come reperire il materiale sorgente da lavorare. La maggior parte dei suoni che si ascoltano sui videogame o sui film non sono singole registrazioni prese e messe lì a sonorizzare quello che si vede. Sono suoni complessi che arrivano dopo un’attento design e mix di diversi elementi che comprendono anche cose che non ci si aspetterebbe mai di trovare.

Prendiamo ad esempio uno sparo laser. Partendo dal fatto che nella realtà non esiste si può attingere alla propria licenza creativa e cercare di riprodurlo con qualsiasi tipo di sorgente; non troverete due sound designer che lo faranno alla stessa maniera.

Ben Burt usò delle registrazioni di un tirante d’acciaio colpito con un martello come base di partenza per i laser in Star Wars. Altri usano sintetizzatori mischiati con registrazioni di armi reali per arrivare al proprio suono, alcune volte passandoli attraverso plug in di Doppler o usando effetti di Pitch shifting. Anche i passaggi di auto da corsa di Formula 1 trattati in certo modo possono creare una sorta di suono adatto a tale proposito. Nel mio caso, per creare il mio demo, ho applicato un pitch al suono di rimbalzi di pallottole reali.

Continue Reading

0

Come ottenere un suono da un milione di dollari senza avere un milione di dollari

Riporto di seguito un’altro fantastico articolo di Ric Viers per Designing sound.

Qualche mese fà stavo guardando un’episodio dei Griffin. Peter Griffin stava facendo una delle sue solite buffonate e durante una di queste scene venne schiacciato da un pianoforte che gli cadde in testa. BAM! Mi grattai la testa e rimandai indietro il video. Ero sicuro, la distruzione del piano era un effetto sonoro che avevo creato tempo addietro su commissione di una libreria commerciale di effetti sonori. E’ divertente ascoltare casualmente il proprio lavoro.

Ricordando il periodo in cui ho realizzato quel suono, oggi mi ritrovo veramente stupefatto di come ho registrato le cose a casaccio in passato. All’inizio non avevo dei monitor professionali, anzi l’unica cosa che avevo erano un paio di casse per computer molto costose e delle ottime cuffie. Registravo su DAT che, paragonato ai registratori portatili di basso livello che ci sono oggi, era molto più rumoroso. Per fortuna avevo ottimi microfoni. Ho creato molte librerie per le major con questa attrezzatura e mano a mano che il lavoro aumentava miglioravo l’equipaggiamento del mio studio.

Continue Reading

0

Ric Viers – Special su Designing Sound

Ric Viers autore dell’ottimo manuale Sound effects bible e fondatore di Blastwave FX è il guest sound designer di Designing sound. Riporto la traduzione degli interessanti articoli che della la sua esperienza sul campo. Su Designing sound TV inoltre potete trovare dei buoni video tutorials postati da Viers.

Le dieci cose da portare per il field recording.

Registrare in campo aperto e come fare campeggio. Si hanno solo le cose che uno decide di portarsi dietro. Quando si va a campeggiare ci si separa da tutti i piaceri quotidiani. Per quanto mi riguarda il campeggio è poco piacevole. Quando le persone decidono di andare in campeggio lo fanno perché vogliono “scappare da tutto”, ma poi si portano “tutto” dietro. Perché? Perche hanno bisogno dei loro confort!

Niente può rovinare un campeggio come dimenticare quella particolare cosa necessaria. Per esempio, si può passare un giorno intero a cercare il posto più adatto per campeggiare, ma tutto potrebbe diventare un’incubo se si dimentica la tenda! E’ importante quindi pianificare prima e impacchettare tutto con cura poi.

I campeggiatori navigati tirano fuori tutta l’attrezzatura prima di imballarla, la mettono in riga fuori dal magazzino e fanno un inventario seguendo una lista in maniera da controllare che ci sia tutto. In ogni caso, anche i campeggiatori più esperti, una volta di ritorno, stileranno una lista di cose dimenticate o che non avevano mai pensato poter essere utili nel bosco…

Continue Reading